Get Adobe Flash player
In triciclo anche d'inverno!

In triciclo anche d'inverno!

La mia piccolina aveva una voglia immensa di guidare il suo triciclo e con che faccia le dicevo di no perché faceva freddo?.Lei mi vede prendere la bicicletta  tutti i giorni allora perché lei non può guidare la sua?. Così l’ho coperta bene. Sotto i suoi pantaloni le ho messo degli scalda gambe, guanti, cappellino con paraorecchie, sciarpetta e via!. Come gioiva la mia piccola, cantava a squarciagola mentre faceva i suoi tentativi di pedalare da sola. Gli anziani che incrociava per la strada come di solito si godevano il suo canto e la salutavano. Le mamme sotto i portici , mi domando ancora se quelli sguardi volevano dire: “queste due sono fuori”, oppure “perché non ci ho pensato”. Rimane il fatto che quest’estate giardinetti e strada principale del centro della nostra piccola città erano pieni di bimbi spinti su tricicli di tutti i modelli e colori,ma con l’arrivo dell’autunno sono tutti spariti. Io sono dell’idea che un bambino,se non sta male e le condizioni meteorologiche lo permettono, va portato fuori  in modo che cambi aria, socializzi e si diverta e non esca a prendere una boccata d’aria seduto nel passeggino perché così non stimola  la sua motricità e non scarica le energie in eccesso. Inoltre uscendo spesso rinforza il suo sistema immunitario. Abbiamo fatto anche dei giretti in triciclo sotto la pioggia. Certo, non diluviava, e al triciclo con le molettine del bucato e la mantellina per  la pioggia del passeggino le ho creato una specie di tetto cabina che teneva la mia piccola al riparo delle gocce. La soddisfazione più grande che ricevo e il vedere mia figlia sorridere  con gli occhi luccicanti dirmi mentre  parcheggiamo il suo triciclo in cantina: “mamma, sono contenta!. Ancora domani?”.

Lascia un commento

iwillbegreen