Get Adobe Flash player
Hüttenpalast - le stanze roulotte

Hüttenpalast - le stanze roulotte

Ecco una grande idea per un albergo: convertire una vecchia fabbrica non più utilizzata in un albergo con prezzi abbordabili e meglio ancora, rinnovare e arredare delle roulotte e farle diventare stanze. Hüttenpalast ha reso la sua idea possibile e nel quartiere degli operai di Neukölln a Berlino permette agli ospiti di provare la sensazione di essere in un accogliente campeggio in mezzo di una città molto vivace. Un “campeggio chic” perché le roulotte sono splendidamente arredate, i bagni sono di lusso e gli ospiti possono socializzare con gli altri nel bar o giardino all’aperto.

Le due fondatrici di Hüttenpalast, Silke Lorenzen e Sarah Vollmer, spiegano da dove è nata questa idea:  Un giorno trovarono una vecchia fabbrica di aspirapolvere in Hobrechtstraße, si innamorarono dell’edificio e decisero di costruire un piccolo albergo. Volevano mantenere la grande architettura e non distruggerla con la costruzione di camere separate. Inoltre volevano creare una stanza, dove la gente si incontrasse. Così hanno cominciato a pensare al concetto di “una stanza dentro una stanza” e decisero di costruire piccole capanne di legno nella sala. Ad un certo punto pensarono di volere una maggiore flessibilità con la sala, dal momento che si suppone essere un luogo in continuo mutamento. Così pensavano di mettere delle ruote sotto le cabine. É stato solo allora che si sono resi conto che esistono le cabine con ruote : le roulotte!

L’hotel è elegantemente fatto, con tre roulotte bianche e tre cabine di legno. Al piano terra, c’è un giardino e un bar dove si può fare la colazione con dolci fatti in casa e altri piatti stagionali.

Hüttenpalast - il suo giardino

Hüttenpalast - il suo giardino

Hüttenpalast - Le cabine

Hüttenpalast - Le cabine

Certo, lo spazio non è enorme e son si è all’aperto come in un camping, ma non è questo il punto. È una sistemazione originale, diversa dalle solite 4 mura e a prezzi convenienti dentro la magnifica Berlino.

Lascia un commento

iwillbegreen