Get Adobe Flash player
Carta igienica

Carta igienica

L’acquisto della carta igienica sembra un compito banale. Non si perde quasi tempo per prenderla dagli scaffali del supermercato perché la tendenza del consumatore è acchiappare la  confezione più economica o quella in offerta, ma così come ci fermiamo a controllare il prezzo a chilo della frutta e verdura dovremmo fermarci a leggere l’informazione descritta sulla confezione della carta igienica: da cellulosa vergine, Certificazione FSC , lunghezza rotolo, colorato, profumato, numero strati veli e le più importante… da carta riciclata e imballo.
Vediamo un po’ ciascuna dell’informazioni che compare sulle confezioni dei rotoli di carta igienica:
Da polpa cellulosa vergine: un albero è stato abbattuto per pulirti. Ma la foresta da dove proviene è gestita in modo responsabile?… cerca la certificazione FSC.
Certificazione FSC: la carta proviene da foreste dove sono rispettati dei rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.
Lunghezza rotoli: non tutte le confezioni indicano la lunghezza del rotolo e invece è indispensabile per noi per poter valutare la differenza del prezzo. Si moltiplica il valore dichiarato  come lunghezza per il numero di rotoli nella confezione e si ottiene quanti metri stiamo acquistando al prezzo indicato nel cartellino del supermercato. Qui ci posiamo fermare a pensare se davvero quella confezione grossa con tanti rotolini che paghiamo di meno davvero ci fanno risparmiare.
Carta igienica colorata e profumata: già lo sbiancamento della carta si fa tramite processi chimici che contaminano, allora perché scegliere qualcosa con più aditivi chimici come il colore e il profumo. É così importante che il colore della carta si abbini con le piastrelle del bagno? Oppure emani un profumo?.
Numero strati veli: più veli, meno quadrettini strappi per pulirti.
Da carta riclicata e imballo: Se il rotolo proviene da carta riciclata vuol dire che non hanno tagliato un albero e se il rotolo è bel compatto e grosso si risparmia nell’ imballaggio e trasporto perché si sta acquistando più metri in una confezione più piccola e ci stano più confezioni dentro i camion che devono trasportarla ai supermercati.
L’ultima confezione che ho comprato non è da carta 100% ricliclata come  ultimamente faccio,  l’ho scelta perché era FSC e di innovativo c’era che il tubo che fa di anima è biodegradabile e si può gettare nel water. Non ho problemi per riciclare il tubo di cartone, ma di lavoretti con questi ne ho già fatti tanti e volevo provare se con questa tecnica il resto della famiglia Iwillbegreen smetteva di lasciarmi la collezione di tubi vuoti in bagno, ma non hanno letto il messaggio scritto sul tubo e quando l’ho fatto notare a papà Iwillbegreen mi ha risposto: ma sei sicura che è cosi? Mica poi dovremmo chiamare l’idraulico per liberare le tubature. Io penso che forse non è che fai la collezione dei tubi e li butti insieme, ma uno alla volta quando siano finiti. Il tubo è ancora lì e mi è servito come fonte da ispirazione per scrivere su questo non banale  argomento sulla carta igienica. Ora mi alzo e vado a gettarlo nel water…

Lascia un commento

iwillbegreen