Get Adobe Flash player
Mondo magico

Mondo magico

Per la maggior parte di noi, mamme con bambini, la scuola è finita e sono arrivate le vacanze estive. Purtroppo non tutti possiamo permetterci di allontanarci dal lavoro per più di due mesi e dobbiamo fare i conti con il tempo trascorso nell’oratorio, campo estivo o con i nonni o parenti dei nostri bimbi e i minuti che veramente dedicano per scoprire loro mondo. Il nostro migliore regalo che possiamo offrire è nutrire il loro sviluppo attraverso la nostra guida come genitori, fornendo loro gli strumenti e risorse di cui hanno bisogno per relazionarsi in modo sano con gli altri  e con il mondo.

Come loro guida, dobbiamo renderci conto che viviamo in un mondo frenetico dove è difficile trovare il tempo per impegnarsi realmente negli aspetti più semplici della vita: quelli che sono davvero cruciali per il magico regno dei bambini. In questi giorni ci sono tante cose stimolanti che coinvolgono i nostri figli.  La televisione, i  film, internet  e i videogiochi sono come un’onda del mare che li travolge e che noi come genitori dobbiamo nuotare controcorrente per poter mantenere il mondo dei nostri figli un luogo magico. Dobbiamo creare uno spazio dove sia venerata l’immaginazione e poter nutrire i loro corpi, menti, anime e spiriti.

Il mondo digitale ci ha permesso di muoverci in modo più efficiente in molti aspetti della nostra vita. Siamo in grado di comunicare, raccogliere informazioni e creare comodità che solo qualche decennio fa non potevamo neanche immaginare. Ma dobbiamo anche vedere come questo influenza i nostri figli, la loro capacità di pensare, e non semplicemente cosa pensare, ma “come” pensare. Che impatto hanno i social media sulla loro capacità di sviluppare e sostenere le relazioni umane? Quanto tempo stiamo permettendo che le emozioni “interattive” coinvolgano i nostri figli al contrario delle attività che li arricchiscano “internamente”?.

Non sono una mamma perfetta e poco a poco sto imparando dei modi per sostenere mia figlia in modo semplice e ritengo che sia importante trovare un ritmo  che serva a loro come guida. Nel mio caso mi ritrovo a dover inventarmi delle attività da fare appena rientrati in casa per evitare che mia figlia chieda la Tv. Durante le nostre passeggiate nei giardini, parchi o uscite fuori porta lascio che porti a casa alcun tesoro della natura, un semplice giocattolo naturale con cui ha trascorso del tempo ed è tornata a casa extra felice: fiori, sassi, legnetto, pigne, noccioli, ecc. Sul balcone le ho fatto un angolo tutto suo con i suoi tesori,  quelli oggetti che hanno incitato la sua immaginazione  e l’ hanno aiutata a collegarsi con il mondo naturale e farla riflettere sulla stagione in cui viviamo. Il suo angolo l’ho ricavato lasciando a disposizione degli scaffali nella nostra mini serra. Con gli attrezzi per annaffiare e  zappare le piante e una scatola dove mette i suoi tesori. Così appena entrata in casa va da sola in balcone e passa più del tempo lì che nell’angolo che ha in soggiorno con il suo baule pieno di  giocattoli “convenzionali”. Questo mi fa pensare che a volte la semplicità di solito è meglio.

Ci sono altre attività che possiamo proporre per coinvolgerli. Qui alcune :

-Aiutarci in cucina: ad impastare la farina, a tagliare alcune verdure, a misurare la pasta o il riso nella bilancia.

-Piantare alcuni semi e vederli crescere. Noi abbiamo seminato il prezzemolo e  la menta e  chiedo a  mia figlia di strappare alcune foglie di menta quando faccio la frittata o le zucchine con la menta.  Le faccio sentire il profumo che rimane nelle sue mani e le dico che così buona e profumata sarà la cena e devo dire che apprezzare il cibo che mangia!.

– Ascoltare musica e ballare: come tutte le attività artistiche, la musica coinvolge tutto il cervello.  Diverse volte abbiamo provato a ballare insieme come famiglia come sciocchi, con mosse libere oppure divertenti fino buttarci per terra ridendo. Altre volte improvvisiamo delle serate suonando la chitarra oppure le maracas, cantando dei testi improvvisati che raccontano le giornate vissute o sciocchezze e  funziona alla grande perché ci divertiamo in famiglia e  godiamo sentendo fino dove arriva l’immaginazione della nostra piccola, perché anche lei coinvolta desidera cantare e improvvisare le sue canzoni.

– Giocare con acquarelli, penarelli, pastelli, didò: Piccoli e grandi si divertono sempre alla grande.

Lascia un commento

iwillbegreen