Get Adobe Flash player
Pesce essiccato

Pesce essiccato

Ci sono due piatti a base di pesce che non supporto per via dell’odore che emanano nella fase di cottura e pensando al tempo che richiedono per la preparazione e quantitativo d’acqua di cui hanno bisogno prima di cuocerli mi domando come mai ancora oggi si facciano (in quanto l’essiccatura era la tecnica antica a disposizione per la conservazione del pesce) . Mi auguro e sia solo per occasioni speciali, ma a volte è difficile che le persone abbandonino un piatto tipico come lo sono i due piatti che si cucinano in due parti diverse del mondo: il riso con lisa ( piatto molto tipico della mia città natale Barranquilla, Colombia) e lo stoccafisso (piatto che si cucina in Italia) . Entrambi hanno come base il pesce essiccato  che dopo richiede ore ed ore in ammollo con ricambi d’acqua per restituire la consistenza ai tessuti  e togliere anche il sale del pesce prima della cottura ( come lo è in caso della lisa). Mi era capitato di vedere ai pescatori della mia città estendere le lisa ( pesce di mare) al sole e salarlo, ma mai vista la sua preparazione perché in casa mia non si è mai cucinato e a dire la verità sono stata cresciuta con una dieta più vegetariana. Al contrario, qui in Italia circa cinque anni fa mi è capitato di vedere cucinare lo stoccafisso e anche il baccalà (merluzzo salato) e sono rimasta stupita di vedere quel pesce sotto la canna dell’acqua aperta per ore e giorni! . A quell’epoca ho pensato: alla faccia dell’ecologia per via dell’acqua sprecata!, ora che so che anche il pesce proviene dalla Norvegia facendo chilometri per arrivare dai distributori e poi sulle “nostre tavole” sono convinta che non sia molto eco-friendly. Meglio scegliere prodotti locali oppure seguire una dieta ricca ed intelligente che faccia bene alla nostra salute ed anche all’ambiente.

Lascia un commento

iwillbegreen