Get Adobe Flash player

Fashion

All about fashion in green style

Scarpe in pitone sintetico

Scarpe in pitone sintetico

Girando i negozi di scarpe per prendere un paio comodo da utilizzare questo inverno mi sono accorta che ci sono più scelte di scarpe in materiale sintetico che una volta. A volte il mondo del sintetico e materiali imitazioni pelli in modo sbagliato e spregiativo il popolo tende a chiamarlo e vederlo come  roba da poco, ma questo concetto sta cambiando e deve cambiare perché l’industria del tessuto sintetico e non e imitazioni pelli ha fatto dei passi enormi e con ciascuna stagione introducono del materiale innovativo con cui si possono produrre borse e scarpe stupende senza bloccare la traspirazione dei nostri piedi. Continua a leggere

Abito realizzato con bottoni difettati.

Riciclo di bottoni difettati.

Durante la giornata all’insegna dell’ecologia tenutasi a Bresso l’11 settembre nel parco Rivolta e organizzata dell’Amministrazione Comunale e l’Associazione Giò.CO.RE abbiamo avuto il piacere di concludere la serata godendoci un’insolita, affascinante e bellissima sfilata: “Rifiuti d’Alta Moda”. Sfilata d’abiti e accessori realizzati con materiali di scarto, domestici e industriali creati dall’artista artigiana Carmela La Salandra.Questa sfilata porta con se il forte messaggio alla riduzione dei rifiuti attraverso abiti e accessori di scena, idee e suggerimenti per sensibilizzare al riuso e riciclo dei materiali.  Continua a leggere

Riparare cassettiera

Riparare cassettiera

Ho una cassettiera dell’Ikea da più di 10 anni, la quale per non essere in legno vero aveva resistito parecchio. La struttura purtroppo ha ceduto e si è gonfiata ai lati impedendo che i cassetti centrali rimanessero fermi nei binari. Così ho dovuto svuotare i cassetti e seguendo il principio delle 7R l’ho tenuta lo stesso tutta scomposta nel corridoio della casa e delegato al mio marito l’arduo compito di trovare il modo per ripararla. Sabato scorso siamo andati a Leroy Merlin, il suo parco giochi prediletto, per cercare degli accessori per sistemare la cassettiera ed altri attrezzi per il bricolage. Continua a leggere

Fare shopping può diventare difficile dal punto di vista etico, soprattutto quando si parla di moda. Mettendo un po’ di attenzione nella scelta di quello che compriamo possiamo contribuire a ridurre l’impianto ambientale scegliendo linee, capi oppure marchi prodotti da aziende che seguano la moda da un punto di vista ecologico. Una volta identificati i marchi che seguono questa linea rimane il problema di scoprire se le loro collezioni sono in vendita in Italia e dove. Navigando in internet cercando scarpe eco-friendly ho scoperto il sito Zalando conosciuto per la vendita di scarpe on line. Il bello di questo sito è che propongono anche una vasta gamma di abbigliamento per uomo, donna e bambino. Quello che mi è piaciuto e che fra i marchi che commercializzano ci sono anche alcuni marchi eco-friendly. Fra i marchi che ho trovato ci sono: Terraplana , One green elephant e Alternative Apparel e qui sotto vi spiego il perchè: Continua a leggere

ciglia di carta - richiamo alla natura

ciglia di carta - richiamo alla natura

Le ciglia finte molto usate tra gli anni 40 e 70 sono tornate di moda e in commercio ora troviamo diversi tipi in varie misure e materiali che purtroppo non sono molto compatibili con la nostra salute ne con l’ambiente. Le cose che si fanno per seguire il passo della moda sono straordinarie, ma per fortuna alcuni ci pensano a fare delle proposte alternative che richiamano anche l’ambiente. Inspirati dall’arte del taglio della carta Cinese nonesuchthings.com propone delle ciglia finte molto curiose e deliziose fatte in carta. Non sono solo ciglia da applicare per divertimento, ma hanno anche un profondo significato: Il disegno simbolico cinese delle “Alci e farfalle” significa “libertà , sensibilità e delicatezza”. Le ciglia finte di carta vengono in un piccolissimo astuccio pronto per l’uso. Continua a leggere

Personalizzare t-shirts

Personalizzare t-shirts

In questa settimana sono stata prodottiva e sono riuscita a personalizzare due t-shirts e un mini abitino della mia piccolina. Il tutto con materiale riciclato. Quando ho fatto il cambio armadio ho tenuto d’aparte le t-shirts che volevo arricchire e personalizzare e tolto i bottoni a quelle camicie e magliette che ormai erano troppo usate e messe male da barattare o regalare. Possiedo una valigetta che poco a poco si è riempita di aghi di tutte le misure, di rocchetti e treccine di filo, bottoni, nastri in tessuto da bomboniere, pizzi e alcuni ciondolini che vengono nelle sorpresine delle uova per i cellulari che preferisco utilizzare per fare delle spille o mollettine, oppure in questo caso per far diventare più sfizioso l’abito della mia piccola. Continua a leggere

Jeans sabbiati

Il jeans é un capo che continua a piacerci. Col passare del tempo lo vediamo proposto in diversi modelli: skinny, vita bassa, zampa di elefante, classico, lacerato, tinta unita oppure invecchiato, ecc. Sul look invecchiato e vissuto vogliamo fermarci perché nell’epoca dell’usa e getta non ci si può aspettare il corso naturale e i marchi ci hanno abituato ad indossare e cercare jeans scoloriti, prelavati, sfilacciati, usurati. I marchi ci guadagnano bene e noi soddisfiamo il nostro desiderio di essere “alla moda”. L’effetto d’invecchiamento si ottiene con la sabbiatura (sandblasting), una tecnica che consiste nello sparare  sabbia silicea ad alta pressione sul tessuto denim. Continua a leggere

Kitchen's Hell

Kitchen's Hell

Hell’s Kitchen non è il reality show con il super biondino chef spietato che va di moda, qui si parla di moda: Moda ecologica. In questa cucina infernale si sfornano magliette e camicie vecchie, camere d’aria e cinture di sicurezza e nascono collezioni di borse per uomo e donna, accessori per moto di un gusto decisamente forte e trendy. Marco Lai ha avuto questa brillante idea mentre aggiustava la gomma bucata della sua bici: perchè non usarla come se fosse pelle o tessuto? E dopo varie prove, quell’oggetto destinato alla discarica era pronto per diventare un oggetto di design, una fucina di idee, una cucina dell’inferno, un nome: Hell’s Kitchen!.

Ora on line anche la sezione “cook your bag” ( cuoce la tua borsa) puoi inviare un tua cara maglietta ed utilizzarla come parte della tua borsa. Niente male come idea per conservare un bel ricordo.

iwillbegreen